Novità nel mondo dei daily fantasy sports

novità gioco d'azzardo

Si può anche curiosare come il gioco d’azzardo viene “trattato” in altri Paesi che non siano il nostro: giusto per vedere il rapporto che esiste anche dall’altra parte del nostro Pianeta tra il gioco terrestre, quell’online ed i Daily Fantasy Sports che stanno facendo discutere parecchio sopratutto tra questi comparti del settore. Così si va a vedere cosa sta “progettando” in Nevada la Gaming Policy Committee, regolatore dei giochi dello stato di Las Vegas, che ha pubblicato un progetto di legge per regolare veramente una volta per tutte, il mercato dei Daily Fantasy Sports all’interno dello Stato americano anche a seguito di una dura “battaglia” condotta negli ultimi mesi da due colossi di questo nuovo business, FanDuel e DraftKings.

Il gioco terrestre e quello dei casino online chiedevano chiarimenti e chiarificazioni visto che il comparto Dfs sta prendendo “piede” e “portando via” una bella fetta di mercato e di utenti. Sino a questo momento all’interno del Nevada solo un operatore ha chiesto ed ottenuto una licenza per offrire un gioco in stile fantasy-sport: USFantasy. Per rispondere alle varie richieste la Nevada Gaming Policy Comitee ha pubblicato la nuova proposta di legislazione in vista di una riunione su questo tema dei Dfs in programma per gli ultimi giorni di agosto e che potrebbe avere anche risvolti a livello internazionale.

Un possibile sviluppo in effetti potrebbe anche “arrivare” in Italia e potrebbe anche dare uno slancio definitivo al mercato proprio a livello internazionale sopratutto per via degli investimenti che i colossi del comparto andrebbero, senza dubbio, ad effettuare per l’ulteriore promozione ed il consolidamento definitivo dei giochi. In realtà i Dfs si devono considerare una faccenda non solo di interesse per gli Stati Uniti, quindi, in una piazza da decine di milioni di giocatori, ma anche in altre realtà.

Per fare un paragone bisognerebbe ricollegarsi a ciò che era accaduto ormai veramente tanti anni fa, con il Texas hold’em, quando questo gioco diventò un autentico fenomeno di massa negli Stati Uniti, e che contagiò il resto del mondo, naturalmente compresa anche l’Italia.

Il progetto di legge vuole costituirsi come un volano attorno al quale ruotano gli approfondimenti su questa industria dei Fantasy Sports, almeno per quanto riguarda i suoi più grandi operatori i cui siti di gioco erano stati bloccati l’estate scorsa sulla base del procuratore dello stato del Nevada che aveva fatto ricadere i Dfs sotto i regolamenti del gioco d’azzardo vigenti nello Stato di Las Vegas. Cosa particolarmente strana è che questo progetto non è stato accompagnato da alcun tipo di commento e per questo non si capisce quale sia esattamente la posizione della Commissione sopratutto per gli amanti di questo comparto che desiderano di giocare.

Infatti, una eventuale regolamentazione non potrà essere discussa se non prima del prossimo febbraio 2017, tempo abbastanza lungo di attesa. Intanto però la Commissione politica sui giochi del Nevada si riunisce su questo tema per la seconda volta e questo sembrerebbe essere un segnale importante rispetto alla volontà di voler intervenire sulla problematica. Bisogna specificare che il Gaming Control Board del Nevada e la Nevada Gaming Commission sono responsabile della supervisione degli operatori Dfs e possono, quindi, emanare regolamenti specifici.